© 2018 Coro Leone Bologna Associazione. C.F. 92009990372 P.IVA 04307520371 Tutti i diritti riservati/All rights reserved. | Note legali

100 anni dalla fine della Grande guerra

GEDENKKONZERT 100 JAHRE ENDE 1. WELTKRIEG SABATO 3 NOVEMBRE 2018   |   ore 19:00 Rathaus Kötschach-Mauthen  Kötschach, 390 - Kötschach, Austria In   occasione   delle   celebrazioni   per   il   centenario   dalla   fine   della   Prima   guerra   mondiale   il   Coro   Leone   è   stato   invitato   a   rappresentare   l’Italia ad un evento musicale di rilievo internazionale presso l’Auditorium municipale di Kötschach-Mauthen, in Austria. Altamente   significativo   il   luogo:   la   città   è   infatti   il   primo centro   importante   che   si   incontra   provenendo   dal   passo di   Monte   Croce   Carnico,   noto   per   essere   stato   sede   di alcuni   tra   i   più   aspri   combattimenti   avvenuti   durante   la Grande     guerra,     testimoniati     oggi     dalle     fortificazioni ancora   presenti   sul   luogo   e   dai   moltissimi   documenti   e reperti   raccolti   nel   museo   cittadino   dedicato   al   conflitto, uno dei maggiori in Europa. In    questa    cornice,    formazioni    canore    e    strumentali    di paesi   un   tempo   nemici   si   sono   incontrate   quest’anno   per ricordare   il   terribile   evento   bellico.   E   lo   hanno   fatto   in   uno spirito   di   profonda   amicizia   e   fratellanza:   non   solo   perché,   è   fin   troppo   chiaro,   le   antiche   inimicizie   non   hanno   più   ragion   d’essere,   ma anche   nella   convinzione   che   solo   assieme   si   può   osservare   un   evento   tragico   di   quella   portata   con   il   giusto   sguardo.   Per   usare   le   parole   di Walter   Schaumann   I   sentieri   che   un   tempo   dividevano   il   fronte   oggi   devono   unirci” ,   e   nulla   come   il   linguaggio   della   musica,   intrinsecamente universale, è in grado di farlo. Il   Coro   Leone   ringrazia   l’amministrazione   di   Kötschach-Mauthen   per   la   perfetta   organizzazione,   la   splendida   accoglienza   e   l’ospitalità ricevute,   e   l’ Associazione   Dolomitenfreunde   -   Friedenswege    (Amici   delle   Dolomiti   -   Le   vie   della   pace),   promotrice   dell’iniziativa   e   ispiratrice dello   spirito   di   questo   evento:   l’associazione,   infatti,   costituisce   un   gruppo   di   lavoro   permanente   sulla   Prima   guerra   mondiale   e   raccoglie volontari provenienti non solo dall’Austria, ma anche dall’Italia, dall’Ungheria, dalla Germania, dal Belgio, dalla Slovenia e dall’Inghilterra.
download locandina
da Stelutis Alpinis 
«Se tu vens cassù ta' cretis là che lôr mi àn soterât, al è un splaz plen di stelutis; dal miò sanc l’è stât bagnât.»
Hanno scritto di noi:

SÜDDEUTSCHE ZEITUNG

“Con  

il  

suono  

del  

diapason,  

il  

petto  

del

solista    

Pier    

Giorgio    

Orsi    

si    

gonfia,

subito   

dopo   

gli   

altri   

28   

componenti,

tenori,  

baritoni  

e  

bassi  

del  

Coro  

Leone

eseguono:  

Era  

una  

notte  

che  

pioveva

.

Una  

canzone  

che  

racconta  

la  

pioggia  

e  

il

vento   

frangersi   

contro   

le   

rocce   

delle

tempestose  

cime  

e  

affliggere  

il  

turno  

di

guardia    

delle    

truppe    

di    

montagna

italiane,   

gli   

Alpini.   

In   

alta   

montagna,

nella   

tenda,   

si   

sentiva   

solo   

l'umidità

della   

pioggia   

anziché   

il   

contatto   

della

donna amata.

Pathos    

totale    

e    

grande    

malinconia

caratterizzano   

le   

canzoni   

cantate   

dal

coro     

maschile     

da     

Bologna     

per     

il

centesimo   

anniversario   

della   

fine   

della

Prima Guerra Mondiale.”

WIENER ZEITUNG

“Al    

concerto,    

il    

coro    

di    

ben    

30

componenti  

ha  

cantato  

brani  

il  

cui  

testo

è  

stato  

scritto  

dai  

soldati  

stessi  

o  

è  

stato

tratto  

dalle  

loro  

lettere  

ai  

genitori,  

alle

spose   

o   

alle   

amate   

in   

patria.   

Anche

generazioni  

più  

giovani  

hanno  

creato  

dei

testi  

per  

non  

lasciare  

cadere  

nell'oblio  

le

esperienze  

dei  

padri  

e  

dei  

nonni.  

«

Siamo

cresciuti   

insieme   

alle   

loro   

narrazioni.

Per    

questo    

noi    

possiamo    

non    

solo

comprendere,  

ma  

anche  

'sentire'  

questi

testi

»

, chiarisce Piazzi.

Testimoni     

di     

una     

guerra     

che     

ha

cambiato   

per   

sempre   

l'Europa,   

i   

canti

sono   

certo   

poetici,   

ma   

anche   

rudi   

e

schietti    

nella    

disperazione,    

e    

senza

afflato  

eroico.  

La  

stella  

alpina  

fiorisce  

sui

caduti,  

le  

famiglie  

pregano  

per  

la  

pace,  

e

le  

donne  

non  

trovano  

i  

loro  

uomini,  

ma

solo le tombe.”

MEINBEZIRK

“Il  

coro  

maschile  

Coro  

Leone

,  

diretto

da  

Pier  

Luigi  

Piazzi,  

fondato  

nel  

1967,  

è

celebre   

per   

le   

canzoni   

tradizionali   

e

degli alipini. (…)

Ha   

presentato   

marce   

e   

canzoni   

del

tempo  

della  

prima  

guerra  

mondiale.  

Il

programma    

è    

stato    

completato    

con

aneddoti  

sui  

singoli  

brani  

e  

descrizioni

della  

terribile  

vita  

quotidiana  

in  

tempo

di guerra. (…)

Si   

poteva   

quasi   

sentire   

l'orrore   

della

guerra,  

ma  

nel  

finale  

[tutti  

i  

musicisti]

insieme     

hanno     

cantato     

gli     

inni

nazionali   

e   

la   

volontà   

di   

un   

futuro

pacifico ha prevalso.”

articolo integrale
articolo integrale
articolo integrale